B & B Brucuvelano


Condividi su:





RC




Mammola



VEDI MAPPA


C.da Brucuvelano


C.A.P.: 89045



Clicca per visitare il sito web


www.brucuvelano.it


Email francescoago2006@libero.it


Tel. 0964 414038







L’azienda agricola “Brucuvelano” prende il nome della località in cui è ubicata :
zona collinare coltivata ad uliveti ed ortaggi, distante circa 1,5 Km dal centro
abitato.


La famiglia che gestisce il Bed & Breakfast Brucuvelano, trae origine da una
delle più illustri di Mammola: la famiglia Agostini, proprietaria fino agli inizi degli anni ottanta di un
palazzo nobiliare antistante la chiesa di San Giuseppe, dove veniva custodita la Statua di San Giuseppe nella cappella .

Per devozione, in occasione della ricorrenza celebrativa del suddetto Santo, tra gli
atti di culto, dall’ultimo periodo postbellum fino al 1960, anno in cui morì l’anziano
Francesco Agostini, la sua famiglia offriva ai bisognosi la tradizionale “pasta e ceci”,
gesto ancora ricordato da qualche anziano del luogo. Oggi tale tradizione è perpetrata
con l’impegno del gruppo-famiglia della Parrocchia San Nicola di Bari.

A ricordo di tanta venerazione, nella Statua di San Giuseppe è incisa una targa, con
nome e cognome, a testimonianza di quanto profuso dalla famiglia Agostini che, a
suo tempo,era inoltre proprietaria di diversi terreni, tra i quali Brucuvelano.

Sin dagli inizi del Novecento, quest’ultimo era uno degli appezzamenti più rigogliosi
della zona, gestito con dei coloni fino agli anni sessanta. Dopo circa un ventennio
di decadimento, nel 1984 i fratelli Daniele e Giuseppe Agostini, figli del fu Francesco
Agostini, con impegno e volontà, hanno voluto adoperarsi a ripristinare la
vasta proprietà di terra sita nella contrada Brucuvelano, rendendo nuovamente coltivabile
la suddetta proprietà terriera.

Dagli anni '80 ad oggi l’azienda è stata
incrementata e modernizzata con servizi di ogni genere : è stata realizzata una
strada interpoderale, è stata fornita di energia elettrica, con cabina situata nella stessa
contrada e denominata cabina “Daniele” in quanto fautore dell’iniziativa.
Si è provveduto anche all’allaccio dell’acqua potabile creando cosi una vera ed efficiente
azienda dove, negli anni con la collaborazione di piccoli coloni, si è riuscito a coltivare, in maniera impeccabile, l’intero terreno.


All’utilizzo del terreno sul piano dei prodotti vegetali, l’azienda ha aggiunto ricoveri
per mucche, maiali, capre, pecore, galline, animali allevati in maniera antica, nutriti
esclusivamente nei vari pascoli della zona, il tutto coadiuvati nei necessari lavori,
dal supporto di coloni volenterosi ed esperti in materia.